mizuno wave rider 24 recensione

La Mizuno Wave Rider 24 è la scarpa running più iconica e longeva del brand giapponese. Nel 2017 festeggiò la 20esima edizione con tante novità, ma nel 2021 non è da meno con la serie ormai arrivata alla 24esima edizione.

Vediamo in cosa è migliorata.

Mizuno Wave Rider 24: Recensione e test

Iniziamo col dire che in questa nuova versione della Wave Rider, Mizuno, ha inserito nell’intersuola la sua ultima innovazione tecnologica in termini di materiali: il Mizuno Enerzy in grado di garantire più ammortizzazione e reattività.

Con questo nuovo polimero, infatti, è riuscita ad ottenere un ammortizzazione ancora maggiore, rispetto alle sue intersuole in gomma usate in precedenza.

Ma vediamo cosa ha fatto nello specifico.

Indice dei contenuti: fai click sul collegamento per passare all’argomento interessato.

Mizuno Wave Rider 24 per uomo e donna

La Wave Rider 24 è una calzatura top di gamma della linea running Mizuno. Viene realizzata non solo nella versione da uomo ma anche in quella da donna ed è classificata come ammortizzata neutra di categoria A3, ideale per il corridore che ha un arco plantare normale o alto e ha un appoggio del piede neutro o in supinazione.

Wave Rider 24 con Mizuno Enerzy: caratteristiche tecniche

Nell’insieme, il design costruttivo è tradizionale e abbastanza in linea con la filosofia delle calzature Mizuno: infatti il cuore pulsante della scarpa è la collaudata strutturata con tecnologia Wave. La piastra ondulata è situata ben in vista sotto il tallone tra due strati di gomma U4ic.

Ma la vera novità della Wave Rider 24 è però dentro: inglobata nella gomma sotto alla zona del tallone, abbiamo il “Mizuno Enerzy”, ovvero un nuovo materiale ammortizzante ad alta prestazione.

Il brand ha investito molto su questo nuovo materiale: test di laboratorio, infatti, hanno dimostrato come l’utilizzo del “Mizuno Enerzy” migliori notevolmente la reattività e l’ammortizzazione della serie 24 rispetto alla versione precedente.

Le misure strutturali dell’intersuola sono: 31mm di altezza sul tallone e 19mm sul avampiede (taglia di riferimento USA 9 men’s) con un Drop di 12mm, pesano 290 gr nella versione maschile e 240 gr nella versione femminile.

calzatura mizuno wave rider 24

La suola della nuova Rider 24, presenta profonde scanalature e rastremazioni molto utili per facilitare la rullata e la spinta: difatti, in fase di spinta, la scarpa lavora in sintonia con l’avampiede in quanto riesce ad incurvarsi in modo omogeneo e progressivo.

Se hai bisogno di maggiori informazioni su quale siano le caratteristiche delle scarpa running puoi leggere “Quali  scarpe da running scegliere“.

Intersuola

L’ntersuola della Wave Rider 24 ha una buona capacità di ammortizzazione e un’ottima reattività determinata dalla combinazione dei differenti materiali utilizzati.

In effetti, il Wave Foam e il U4ic, abbinati alla flessibile piastra Wave parallela e al nuovo Mizuno Enerzy fanno di questa scarpa una delle punte di diamante del brand nella categoria A3 neutre massimo ammortizzamento.

Tomaia

La Tomaia della Wave Rider 24 è nel “AIRmesh”: un mesh ingegnerizzato che ottimizza comfort e traspirabilità grazie anche a fori di aerazione molto ampi, caratteristica molto utile per evacuare calore e umidità.

La struttura del tessuto è ben differenziata e rifinita con poche cuciture nella parte alta e completata con rinforzi termosaldati nei punti di maggiore usura.

scarpa running mizuno wave rider 24

Suola

La suola delle Wave Rider 24 e in “X10”, una gomma al carbonio di Mizuno: resistente all’usura nelle aree maggior impatto fornisce anche una buona aderenza.

Ha un disegno molto rastremato sul tallone ma largo in pianta sotto i metatarsi: dotata di intagli nell’avampiede e un incavo nel tallone utili ad aumentare la flessibilità e ridurre la superfice di contatto e quindi l’attrito.

È una scarpa da utilizzare principalmente su asfalto vista la tacchettatura compatta, bassa e densa, ma per alcune sue caratteristiche è ottima anche su altri tipi di superfici, come lo sterrato liscio e regolare.

mizuno wave rider 24 scheda tecnica

Vestibilità e calzata

In vestibilità, appena indossata la Mizuno Wave Rider 24 sì fa apprezzare per la grande comodità: aderente ma non fasciata come le scarpe di altri brand.

Nella misura rispetta la tabella scala taglie del marchio e non necessita un numero il più di quello che si prende abitualmente da Mizuno.

Presenta inoltre un abbondante imbottitura traspirante sia nella tomaia che nel contrafforte del tallone: utile a migliorare la calzabilità senza far perdere sensibilità al piede il contatto con la scarpa.

L’allacciatura è tradizionale con occhielli e lacci, invece la linguetta è fissata internamente alla tomaia da una doppia fascia elastica per una perfetta vestibilità.

Si tratta di scarpe molto comode, come da caratteristica di Mizuno: adatte sia a piante del piede medio/larghe e sia strette e affusolate ha una vestibilità molto versatile facilitata dalla buona abitabilità nell’avampiede con spazio per le dita. Invece il contrafforte del tallone è imbottito e aderente ma meno arrotondato sul tendine d’Achille.

Scheda tecnica Mizuno Wave Rider 24

  • MARCHIO: Mizuno
  • MODELLO: Wave Rider 24
  • TIPOLOGIA: Ammortizzata
  • CATEGORIA: A3 Neutra
  • SUPPORTO: Ammortizzata neutra
  • UTILIZZO: Corsa su strada
  • PESO: 290 gr. misura USA 9 uomo, 240 gr. donna
  • TECNOLOGIA: SmootRide, Mizuno Enerzy, U4ic, suola in X10, AIRmesh
  • DROP: 12 mm in entrambe le versione
  • GAMMA: Rider
  • CODICE ARTICOLO DONNA: J1GD2003
  • CODICE ARTICOLO UOMO: J1GC2003
  • MODELLO PRECEDENTE: Rider 23

Pro e contro della Mizuno Wave Rider 24

Viste le caratteristiche della Mizuno Wave Rider 24 quali sono i pro e i contro di questa scarpa?

PRO:

  • La nuova schiuma “Mizuno Enerzy” fornisce buona ammortizzazione ma soprattutto reattività.
  • Vestibilità molto spaziosa e comoda che si adatta anche ai podisti dalla pianta larga.
  • Battistrada dal disegno e gomma in grado di garantire una buona trazione su diverse superfici.

CONTRO:

  • Agli atleti poco allenati e meno tecnici può risultare secca all’impatto.

A chi è rivolta la Mizuno Rider 24?

La Mizuno Rider 24 è un ottima opzione per chi cerca in una scarpa neutra A3, stabilità e comfort ma soprattutto reattività.

Con questa nuova serie 24, Mizuno, rispetta la sua filosofia ma migliorandosi, ovvero riesce a garantire comfort ma con un’esperienza di corsa più agile e veloce.

Infatti, la Mizuno Wave Rider 24 è indicata al runner con un appoggio del piede neutro (o leggera pronazione fisiologica) che ama correre su asfalto a passo medio: decisamente una scarpa ammortizzata, non velocissima, ma abbastanza prestazionale nonostante il Drop 12.

La nuova Rider 24, come già accennato, non si presenta come una scarpa veloce in quanto è un A3, ma si può comunque correre tranquillamente ad un ritmo tra: 4:30 – 5:30 min/km, o sopra 5:30 min/km.

Quindi è perfetta per chi ama correre anche tutti i giorni sia su distanze brevi che medio/lunghe con un peso corporeo tra i 65/75 Kg o da chi pesa poco più di 80 kg (naturalmente in questo caso la scarpa andrà sostituita prima).

Prezzo delle nuove Mizuno Wave Rider 24

La Wave Rider 24 ha un prezzo al pubblico listino Mizuno, di 155€ anche sé dai colori e nei periodi promozionali si può trovare anche a meno.

Essendo un top di gamma Mizuno costa sostanzialmente un po’ di più, ma comunque la Rider è in linea per caratteristiche e prezzo ai modelli dei brand concorrenti a pari caratteristiche.

Per ultimo ma non meno importante, ha un buon costo per chilometro in quanto si possono fare tranquillamente 600/700 km prima del degrado strutturale.

Scarpe neutre A3 di Mizuno simili alle Rider

Vediamo quali sono le scarpe di Mizuno nella categoria A3 neutre come le Rider 24. Tra queste, molte parti strutturali ovviamente sono diverse nella dimensione, nei materiali e nella struttura per soddisfare le esigenze dei diversi runners.

Infatti, della casa di Osaka abbiamo anche: la Wave Rider TT, la Wave Sky, la Wave Creation, La Wave Prodigy e la Wave Ultima. Hanno caratteristiche quasi simili, ma in quanto ad ammortizzazione e performance soddisfano diverse richieste.

Scarpe running di altri brands come Mizuno Rider

Scarpe running A3 neutre di altri brands simili alle Wave Rider 24, sempre ammortizzate ideali per brevi e lunghe distanze.

Come le Rider 24, anche le calzature degli altri marchi hanno tecnologie nell’intersuola brevettate per ottenere ammortizzazione e reattività.

Tra le scarpe di brand concorrenti a Mizuno abbiamo: di New Balance le FreshFoam More, di Asics le Cumulus, di Saucony le Munchen, di Brooks le Ghost, di Under Armour le Hovr Infinite.

Nel link troverai maggiori info su quali sono altre “Scarpe running A3 neutre”.

Mizuno Rider vs Nike Vomero

La Mizuno Rider 24 come la Nike Vomero sono entrambe nei top di gamma dei rispettive brand nella categoria A3.

Rider e Vomero sono modelli iconici di scarpe con caratteristiche quasi simili ma diverse nello specifico: come il Drop di 10mm delle Vomero che nelle Rider è invece di 12mm, il peso è quasi uguale anche se i due brand usano materiali diversi. Entrambe, sono indicate per i runner con un appoggio del piede neutro.

Qui troverai la recensione completa delle “ Nike Vomero” .

Se cerchi maggiori informazioni su altre scarpe running puoi leggere “Migliori scarpe running: guida alla scelta“.

Opinione Mizuno Wave Rider 24

Nella Wave Rider 24, la collaudata Wave-Foam aggiunta all’esclusiva Mizuno Enerzy sarà sicuramente la soluzione che darà a Mizuno grandi soddisfazioni per gli anni a venire.

Infatti, il “Mizuno Enerzy” inserito nella Rider e altri top di gamma è il nuovo segno distintivo del brand con il cui riscrive la definizione di running: grazie all’ammortizzazione e alla risposta reattiva della novità introdotta nell’intersuola.

Nell’ intersuola, insieme al Mizuno Enerzy, abbiamo la collaudata tecnologia Wave a onda parallela.

Questa tipologia di intersuola, adatta ai runner che hanno un appoggio neutro, è indicata a chi cerca un’ammortizzazione reattiva e prestante ma sempre in una scarpa di categoria A3.

Difatti, può sembrare secca nell’appoggio di avampiede, ma in realtà è molto confortevole e sostenuta, come da caratteristica generale di Mizuno.

Sicuramente non soddisferà a sufficienza i runner che vogliono sentire il piede protetto e ovattato ma l’effetto resistente e reattivo a contatto con il suolo offre maggiore performance, cosa non facile da trovare in una classica A3.

Per questo noi la consigliamo a chi vuole da una scarpa running ammortizzata quel qualcosa in più.

Buona corsa e tanti Km a tutti.